Reset Password

Your search results

Il Brasile

5 maggio 2018 by danituppi

IL BRASILE

Il Brasile (nome ufficiale in portoghese Repubblica Federativa do Brasil, ) è una repubblica federale democratica dell’America meridionale. Confina a nord con la Colombia, il Venezuela, la Guyana, il Suriname e la Guyana Francese, a sud con l’Uruguay e ad ovest con l’Argentina, il Paraguay, la Bolivia e il Perù. Ad est si affaccia sull’oceano Atlantico. Il Paese ha come caratteristica principale la sua immensità: un’immensità fisica, climatica, ambientale e sociale. Esso può essere considerato un Paese in via di sviluppo, un Paese industrializzato, postindustriale a seconda dell’aspetto che ne viene valutato. è in via di sviluppo in quanto sta superando la transizione demografica.
a, potenzia le vie di comunicazione, esporta prodotti tropicali e minerali, e stringe relazioni commerciali con nuove nazioni. è infine moderno e post-industrializzato per i suoi grattacieli, per lo sviluppo delle telecomunicazioni e della tecnologia. Oggi si sta assistendo ad una lenta ma progressiva crescita dei redditi, ad un aumento qualitativo delle relazioni tra le varie regioni, ad un incremento della struttura comunicativa, tutti fattori che consentono al Paese di crescere unitariamente, evitando la sperequazione tra i vari Stati. Inoltre la popolazione aumenta ragionevolmente insieme alla crescita economica, favorita dal Mercosur (Mercato Comune del Cono Sud) e dalla Comunità delle Nazioni del Sud America. Tutte queste premesse unite alla forte e sicura identità nazionale, alla cultura ricca e unitaria, pongono il Brasile in una posizione di primaria importanza per quanto riguarda gli sviluppi futuri dell’economia e della politica sulla scena mondiale. Il Paese è un membro del raggruppamento non ufficiale chiamato BRIC (Brasile, Russia, India e Cina), ovvero l’insieme dei quattro grandi Paesi emergenti a maggior crescita economica. Attualmente è la decima potenza economica nel mondo.

GEOGRAFIA

Nel territorio del Brasile si individuano:
* il massiccio della Guyana
* l’altopiano del Brasile
* la depressione amazzonica.
Da un punto di vista geografico il paese è inoltre diviso in 5 grandi regioni geografiche (região, pl. regiões), queste sono usate talvolta anche per fini statistici e non hanno dunque rilevanza da un punto di vista amministrativo; gli stati sono così distribuiti:

* il Nord o Amazzonia (Região Norte): Acre, Amapà, Amazonas, Parà, Rondônia, Roraima, Tocantins

* il Nord-Est (Região Nordeste): Alagoas, Bahia, Cearà, Maranhão, Paraíba, Pernambuco, Piauí, Rio Grande do Norte, Sergipe

* il Sud-Est (Região Sudeste): Espírito Santo, Minas Gerais, Rio de Janeiro, São Paulo

* il Sud (Região Sul): Paranà, Santa Catarina, Rio Grande do Sul

* il Centro-Ovest (Região Centro-Oeste): Goiàs, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Distrito Federal do Brasil.

Clima

Il clima cambia secondo la latitudine e la longitudine. Le denominazione delle stagioni è quella dell’emisfero Sud, invertita quindi rispetto all’Europa. In accordo alla Classificazione dei climi di Köppen si distinguono sei principali zone climatiche: equatoriale, tropicale, subtropicale, semiarida, temperata, tropicale di altitudine. La temperatura media annuale è di circa 28 °C nel Nord e 20 °C nel Sud.

La Popolazione

Con circa 190 milioni di abitanti, il Brasile è il paese più popoloso dell’America Latina ed il quinto Paese più popoloso del mondo. Grazie all’eccezionale estensione del suo territorio, la densità del Brasile si rivela decisamente bassa: solo 21 ab./km². La popolazione, tuttavia, risulta distribuita in modo fortemente squilibrato. La densità è più alta nel litorale e nell’entroterra del centro-sud, ed è più bassa nel nord-ovest.

Religione

map La religione predominante è quella cattolica (73,6%), poi viene il protestantesimo (15,4%) in maggioranza rappresentato dalla Chiesa Universale del Regno di Dio (Igreja Universal do Reino de Deus in portoghese, Iglesia Universal del Reino de Dios in spagnolo) , l’ortodossia, buddhismo, ebraismo, islam, ecc. Si deve notare tuttavia il significativo affermarsi delle confessioni protestanti, che fino a qualche decennio fa erano assai rare e raccoglievano un numero assai esiguo di fedeli.

Cultura

La cultura brasiliana è stata principalmente influenzata dalla cultura del Portogallo. La lingua portoghese, la religione cattolica e le tradizioni principali sono state portate dai colonizzatori portoghesi durante l’era coloniale. I nativi americani hanno influenzato la lingua e la cucina e gli schiavi africani hanno influenzato la musica, cucina, lingua e religione del Brasile. L’influenza tedesca e soprattutto quella italiana sono forti nelle regioni Sud e Sudorientale del Brasile. L’immigrazione italiana verso il Brasile meridionale è stata intensa fra il 1870 e il 1920. Tutte queste culture mescolate hanno generato la ricca cultura brasiliana.

Musica

La musica del Brasile è fortemente influenzata da quelle d’Africa e d’Europa. In 500 anni di storia, nel Paese sono sorti stili unici ed originali come choro, forrò, frevo, samba, bossa nova, Mùsica Popular Brasileira (MPB) e rock brasiliano. Gli indios svilupparono una musica autoctona basata su strumenti tipici quali il chocalho, a percussione, e numerose danze rituali, come il catimbò e il fandango. In seguito gli indios assorbirono ritmi sincopati provenienti dalla tradizione africana e arricchirono la loro strumentazione con i tamburi (atabaques), lo xilofono (marimba) e la campanella metallica (agogo). I canti antichi più diffusi erano quelli marinari, pastorali, epici, natalizi, sentimentali. Verso il XVI secolo la musica popolare brasiliana risentì anche dell’influenza della musica europea, ma solo con un certo ritardo si avviò il fenomeno d’integrazione con le espressioni musicali indigene, culminante agli inizi dell’Ottocento, durante il regno di Pedro I, grazie alla fondazione di teatri, istituti e scuole. Il più importante compositore di musica classica brasiliano è senz’altro Heitor Villa-Lobos, compositore e direttore d’orchestra che ha scritto attorno alle 1300 composizioni, di cui molte ispirate alla tradizione musicale brasiliana e altre a quella europea del 1600.

Il Calcio

Il calcio (futebol) è lo sport più seguito e più amato. La passione calcistica coinvolge migliaia di ragazzini fin da tenera età, il Brasile risulta essere il paese dove il calcio è più popolare nel mondo. La Nazionale brasiliana, nota informalmente come SeleÇão (Selezione), è la Nazionale di calcio più titolata del mondo, vantando 5 campionati mondiali vinti 1958, 1962, 1970, 1994, 2002, 8 Coppe America 1919, 1922, 1949, 1989, 1997, 1999, 2004, 2007 e 3 Confederations Cup. Inoltre è l’unica Nazionale di calcio ad essersi sempre qualificata alla fase finale di tutte le edizioni del Mondiale. Alcuni dei suoi giocatori sono considerati tra i più forti di sempre, come Pelè, Garrincha, Didì, Vavà, Jairzinho, Carlos Alberto, Zico, Falcão, Romario, Bebeto, Cafu, Ronaldo. Non da ultimo, Arthur Friedenreich (San Paolo del Brasile, 1892 ­ 1969), soprannominato El Tigre o anche il Re del Calcio: in assoluto, il primo grande calciatore sudamericano, autore di oltre 1.300 reti: record ad oggi, imbattuto. Tra i giocatori in attività più rappresentativi vi sono Roberto Carlos, Rivaldo, Ronaldo, Luis Fabiano, Kakà, Robinho, Ronaldinho, Alexandre Pato, Adriano, Maicon, Julio Cesar, Maxwell. Il Brasile ha ospitato una volta un’edizione della Coppa del mondo FIFA, nel 1950. Nella partita decisiva perse per 2-1 contro l’Uruguay al Maracanã. Dopo la rinuncia della Colombia alla candidatura per ospitare il campionato del mondo 2014 il 30 ottobre 2007, la FIFA ha confermato che i mondiali del 2014 si svolgeranno in Brasile.

Il Carnevale

In Brasile ci sono diversi tipi di carnevale a seconda della regione in cui ci si trova. Quello che attrae più turisti brasiliani è il carnevale di Salvador de Bahia, mentre quello che più attrae turisti stranieri è quello di Rio de Janeiro. Esso è considerato il più trasgressivo e più importante del mondo, ogni anno sono milioni di turisti provenienti come detto da tutto il mondo che si recano alla manifestazione più importante, dove una folla immensa tra musica e festa vengono spinti enormi carri con varie rappresentazioni di tutti i colori e ballerine brasiliane che ballano a suon di samba. In Brasile viene svolto normalmente quaranta giorni prima della quaresima a secondo dell’anno dura circa due settimane e viene svolto nello stesso periodo in tutto il Paese. Nei giorni di festa del carnevale il paese vanta una forte crescita economica. Un altro carnevale importante e tradizionale è quello di Olinda e Salvador de Bahia, dove la folla va in giro con grosse fantasie in blocchi tradizionali.

Documenti:
Per visitare il Brasile i cittadini italiani necessitano solo del passaporto con validità minima di 6 mesi.

Vaccinazioni:
Non è obbligatoria alcuna vaccinazione, solo per chi si avventura in zone selvagge, Amazzonia o Pantanal per esempio, è consigliabile il vaccino contro la febbre gialla e la profilassi antimalarica. Si consiglia contattare l’ufficio di igiene o la Usl della Vs. città.

Lingua:
La lingua ufficiale è il Portoghese, che in Brasile è molto diverso dall’idioma parlato in Portogallo, molto diffuso anche l’Inglese.

Valuta:
La moneta brasiliana è il Real. Per il cambio Vi sono gli uffici di cambio e le banche, per i pagamenti le carte di credito sono accettate negli hotel e nella quasi totalità dei ristoranti.

Telefono:
Per chiamare dal Brasile il prefisso è 0039 seguito dal numero desiderato. Per chiamare potete inserire nel Vs. cellulare un chip Brasiliano dal valore di 10 real o comprare delle carte telefoniche internazionali prepagate.

Consigli:
Ricordatevi di porre nella Vs. valigia creme solari e repellenti antizanzara. Molto ultili sono anche una scorta di medicinali basilari, sebbene le farmacie locali sianoben fornite di medicinali similari ai nostri. E’ opportuno non girare per le città con gioielli in vista e non avventurarsi da soli nelle zone più povere per evitare episodi di microcriminalità. Per spostarsi potete noleggiare auto (la patente europea è valida) o servirvi dei taxi che hanno costi ragionevoli.

DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseSpanish